Le strategie più efficaci contro la pandemia di covid-19

di Giancarlo Sturloni

Mai era accaduto che metà della popolazione globale finisse in quarantena nel tentativo di contenere la diffusione di un’epidemia. Quando a gennaio la Cina ha congelato la socialità di decine di milioni di persone a Wuhan e nella provincia dell’Hubei, il mondo aveva guardato con stupore al rigore del governo di Pechino. Ben presto, tuttavia, di fronte all’avanzata inarrestabile del contagio e in assenza di farmaci e vaccini, ogni governo è stato costretto a introdurre misure di distanziamento sociale e procedure per identificare e isolare le persone contagiate dal coronavirus SARS-CoV-2, che ha già causato più di 250 mila vittime.

Continua a leggere su Oggiscienza: Le strategie più efficaci contro la pandemia di covid-19  

Pubblicato in Reblog

Vaccini: un’istantanea in numeri

Francesca Zanni

Dal 24 a oggi, 30 aprile, ha luogo la Settimana mondiale delle vaccinazioni. Quest’anno, in cui siamo tutti costretti a casa per via della pandemia di COVID-19, le autorità invitano a riflettere sull’importanza dei vaccini. Lo scopo della settimana è anche quello di sensibilizzare sul fatto che circa 20 milioni di bambini nel mondo non ricevono oggi, nel 2020, nemmeno un vaccino. La campagna di quest’anno ha diversi obiettivi legati a questo grave problema: dimostrare il valore e l’importanza delle vaccinazioni, mostrare come esse siano la base per creare un sistema di immunizzazione forte, evidenziare il bisogno di costruire immunità andando a sopperire con i vaccini laddove mancano, anche con investimenti mirati.

Continua a leggere su Oggiscienza: Vaccini – un’istantanea in numeri   

Pubblicato in Reblog

Violenza sulle donne e lockdown: uno scenario ancora incerto

Marcello Turconi

Come è ormai drammaticamente chiaro, la violenza di genere (anche se considerata nella sola accezione di violenza nei confronti della donna da parte del proprio partner) ha un profondo impatto a livello globale: dati provenienti da oltre 80 Paesi suggeriscono che circa un terzo delle donne che è stata in una relazione a lungo termine ha subìto almeno una volta violenza da parte del proprio marito/compagno.

Una situazione di per sé drammatica, che peggiora durante le esperienze di crisi sociali prolungate (come suggeriscono, ad esempio, i dati che sono stati raccolti durante la guerra civile del Sudan del Sud, o nei Paesi dell’Africa occidentale colpiti, negli ultimi anni, da ondate epidemiche di ebola).

Continua a leggere su Oggiscienza: Violenza sulle donne e lockdown – uno scenario ancora incerto  

Pubblicato in Reblog

“L’incanto degli animali” di Christiane Nüsslein-Volhard

Giulia Negri

“La biologia non utilizza la categoria della bellezza per descrivere gli organismi. Il ricercatore rigoroso evita di applicarla a forme, colori e suoni, poiché tale categoria dipende dall’osservatore ed è legata a sensazioni soggettive suscitate da qualità non misurabili degli oggetti considerati belli. E tuttavia la bellezza delle piante e degli animali, così come noi la percepiamo, svolge in natura una funzione simile a quella svolta dall’arte e dalla cultura per l’umanità.”

Quello di Christiane Nüsslein-Volhard è un saggio insolito, che tratta un tema spesso lasciato in secondo piano, o addirittura taciuto, quasi fosse ritenuto “disdicevole” o poco serio. Eppure è proprio il fascino, l’incanto degli animali a colpirci così profondamente, e a decretare preferenze che a volte possono andare a discapito della vita delle specie stesse. L’autrice ce ne fa scoprire le ragioni evolutive, vere o probabili, spiega come si formano alcuni disegni e quale ne è la ragione.

Continua a leggere su Oggiscienza: “L’incanto degli animali” di Christiane Nüsslein-Volhard   

Pubblicato in Reblog

NO VIRUS, NO PARTY(cle)

Enrico Bucci

NO VIRUS, NO PARTY(cle)

Di:
Enrico M. Bucci – SHRO, Temple University – US
Raffaele A. Calogero – Università di Torino – IT
Mirella Vivoli Vega – University of Exeter – UK


“È ufficiale, arriva la conferma: il coronavirus è trasportato dal particolato atmosferico!”

La notizia è uscita fuori frettolosamente e divulgata in maniera distorta e non del tutto chiara, su molte testate giornalistiche, a solo due giorni di distanza dallo studio pubblicato dal gruppo SIMA (Società Italiana di Medicina Ambientale), in pre-print, ovvero senza aver subito ancora nessun processo di revisione da parte di altri esperti.

Gli autori affermano di aver già ipotizzato la possibilità che SARS-CoV-2 fosse presente nel particolato, ma che nessuno prima d’ora ha fatto esperimenti per confermare o escluderne la presenza del virus su queste particelle.

Continua a leggere su CattiviScienziati: NO VIRUS, NO PARTY(cle)   

Pubblicato in Reblog

Internet quantistica non hackerabile sempre più vicina

Veronica Nicosia
I ricercatori di Harvard mentre costruiscono l’anello mancante della rete internet quantistica

Inviare messaggi non hackerabili, aumentare la sicurezza dei sistemi GPS e abilitare il calcolo quantistico direttamente in cloud. Queste sono tre delle potenzialità che l’internet quantistica promette ai suoi utenti da oltre 20 anni, ma le difficoltà di trasmettere il segnale senza registrare perdite sulle lunghe distanze a oggi l’ha resa irrealizzabile.

Continua a leggere su Oggiscienza: Internet quantistica non hackerabile sempre più vicina  

Pubblicato in Reblog

Come funzionano (e a cosa servono davvero) i test sierologici per la COVID-19

di Giancarlo Sturloni

Il 4 maggio, in concomitanza con l’inizio della cosiddetta fase 2, prenderà il via anche l’attesa indagine sierologica per mappare la diffusione del coronavirus SARS-CoV-2 nella popolazione italiana. Si tratta di un’analisi del sangue effettuata su un campione di 150 mila persone per stabilire quanti hanno davvero contratto la malattia, magari senza neppure sviluppare i sintomi. È un’indagine importante dal punto di vista epidemiologico, ma gli esperti mettono in guardia dalla tentazione di usare i risultati per assegnare “patenti di immunità” o per gestire l’uscita dal lockdown, perché ancora non sappiamo se e quanto gli anticorpi proteggano da una seconda infezione. Ecco dunque come funzionano i test sierologici e a cosa servono davvero.

La ricerca degli anticorpi

Esistono vari tipi di test sierologici, più o meno affidabili ma tutti progettati per il medesimo scopo: individuare nel siero sanguigno la presenza di anticorpi sviluppati dal sistema immunitario in risposta al coronavirus SARS-CoV-2. Se il test risulta positivo, significa che la persona è stata contagiata e l’esposizione al virus ha stimolato la produzione di anticorpi; se invece è negativo significa che non è entrata in contatto con il virus.

Continua a leggere su OggiscienzaCome funzionano (e a cosa servono davvero) i test sierologici per la COVID-19

Pubblicato in Reblog

Zoonosi e allevamenti animali: perché è necessario che qualcosa cambi

di Francesca Zavino

Le prime notizie sul Covid-19 davano per certo che il virus avesse avuto origine nel discusso mercato di Wuhan, nel quale venivano venduti generi alimentari e animali vivi. Nonostante si stia ancora cercando di stabilire con certezza la genesi del nuovo Coronavirus, gli occhi di tutto il mondo sono puntati sui cosiddetti wet market. Tutti ne abbiamo sentito parlare, tutti abbiamo visto almeno un video sui social o in televisione nel quale si denunciano le scarse condizioni igieniche e le modalità con cui vengono tenuti cani, gatti, polli, maiali, anatre e così via. Si tratta di mercati diffusi soprattutto nel Sud Est Asiatico e in Africa, nei quali vengono vedute merci deperibili, tra cui pesce e carne.

Continua a leggere su Oggiscienza: Zoonosi e allevamenti animali – perché è necessario che qualcosa cambi  

Pubblicato in Reblog

Il diavolo al galoppo di Intragna

La locandina del film del 1926 “The Devil Horse”, diretto dal regista americano Fred Jackman Sr.

La locandina del film del 1926 “The Devil Horse”, diretto dal regista americano Fred Jackman Sr.

Intragna è uno dei tanti comuni piemontesi ormai quasi spopolati. Non è nemmeno troppo distante dal capoluogo, Verbania, ma già in Valle Intrasca, e in larga misura in ambiente montano. Oggi conta in tutto 111 residenti, ma agli inizi del XX secolo, seppur in rapido declino demografico, ne aveva ancora un migliaio.

Continua a leggere su CICAP Piemonte: Il diavolo al galoppo di Intragna
Pubblicato in Reblog

Dal veterinario senza stress: per il gatto è possibile?

di Sara Stulle

Controlli regolari dal veterinario, analisi periodiche e cure tempestive fin dalle prime fasi di un’eventuale malattia possono allungare la vita ai gatti e migliorarne la qualità di vita. Eppure diversi studi sul comportamento dei proprietari di gatti hanno indicato che in molti evitano di portarli in visita o, se si ammalano, aspettano molti giorni prima di andare dal veterinario. Pare che la ragione primaria di questo comportamento sia paradossalmente l’affetto: non vogliono stressare o far soffrire il loro animale. Diversi riferiscono, infatti, un malessere eccessivo del loro gatto in tutte le fasi dell’”evento veterinario”, a partire da casa: l’ingresso in trasportino, il viaggio in macchina, l’attesa nella sala d’aspetto con altre persone, cani e gatti, la visita vera e propria, le manipolazioni da parte di estranei, e per finire eventuali trattamenti fastidiosi o dolorosi.

Continua a leggere su Oggiscienza: Dal veterinario senza stress – per il gatto è possibile?  

Pubblicato in Reblog