9/6/19: Ballottaggio a Novi

Domenica 9 giugno, a Novi Ligure, ci sarà il ballottaggio per decidere chi sarà il sindaco (e quindi la relativa giunta) per il prossimo quinquennio. Urne aperte dalle 7 alle 23.

Ad affrontarsi, in rigoroso ordine alfabetico:

  • Gian Paolo Cabella, lo sfidante sostenuto da una coalizione di centrodestra
  • Rocchino Muliere, il sindaco uscente sostenuto da una coalizione di centrosinistra

Il primo turno ha chiuso con Cabella, 44%, in vantaggio su Muliere, 41.2%. Sono solo 395 voti di differenza.

La partita è quindi aperta, e molto combattuta sui social, dove post polemici e di dubbio gusto si sono sprecati, da ambo le parti.

Per un voto consapevole, e non basato sulle tifoserie di partito, suggerisco caldamente di seguire il faccia a faccia di questa sera, martedì 4 giugno, alle ore 21 al Museo dei Campionissimi. Dettagli in questo articolo di NoviOnLine

Se non avete tempo per andare all’incontro di questa sera, potete leggere i programmi elettorali dei candidati a questo link del Comune di Novi Ligure.

Qualche informazione ‘tecnica’ su come si vota:

  • E’ un ballottaggio, quindi una X nella casella con il nome del candidato prescelto.
  • Ricordatevi documento di identità e tessera elettorale.
  • NON POTETE portate il telefono in cabina. Lasciatelo a un amico o al personale del seggio.
Ecco un esempio di scheda di ballottaggio. Due grandi caselle con in testa i nomi dei candidati e sotto i simboli delle liste che lo sostengono.

Altre indicazioni sulle modalità di voto in questo mio post.

Buon voto!

Foto da NoviOnLine
Annunci
Pubblicato in elezioni, Reblog | Contrassegnato , , , , ,

Elezioni europee 2019: quanto spazio per la scienza nei programmi dei partiti?

Eleonora Degano

Elaborazione grafica di Lisa Zillio

“La nostra Europa unita ha bisogno di un voto forte da parte dei popoli, ed è per questo che vi chiediamo di esercitare il vostro diritto a votare. È un voto sul nostro comune futuro europeo”. È quanto recita l’invito al voto per i cittadini in vista delle elezioni europee 2019, un invito formalizzato nel documento firmato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella insieme ad altri 20 capi di Stato.

Continua a leggere su OggiScienza: Elezioni europee 2019 – quanto spazio per la scienza nei programmi dei partiti?   

Pubblicato in Reblog

Da metano ad anidride carbonica per limitare i cambiamenti climatici

Anna Romano

Immagine: Stan Coffman

È indubbio che contrastare i cambiamenti climatici richieda misure per ridurre l’emissione in atmosfera di gas climalteranti e, laddove possibile, lo sviluppo di sistemi che permettano la riduzione di quelli già presenti, con un aumento di vegetazione o tramite tecniche di geoingegneria. Appare quindi contro-intuitivo lo studio di un gruppo di ricercatori della Stanford University, in collaborazione con la CSIRO Oceans and Atmosphere australiana: gli scienziati propongono un metodo per convertire un gas serra in un altro come approccio complementare per limitare l’aumento delle temperature globali.

Continua a leggere su OggiScienza: Da metano ad anidride carbonica per limitare i cambiamenti climatici   

Pubblicato in Reblog

20 maggio 1990: 29 anni fa la prima immagine da Hubble

Lisa Zillio

La nebulosa del granchio

Il 20 maggio del 1990 viene pubblicata la prima immagine trasmessa da Hubble Space Telescope (HST). Un’immagine in bianco e nero, per nulla spettacolare se consideriamo quelle prodotte successivamente, ma estremamente importante perché dimostrava l’enorme potenzialità di HST ed è servita nelle operazioni di messa a fuoco. Nell’immagine si vede la stella binaria HD 96755 nel cluster aperto NGC 3532, a circa 1.300 anni luce di distanza. La NASA la diffuse in coppia con l’immagine dello stesso soggetto presa però dall’Osservatorio Las Campanas che si trova nel deserto di Atacama, in Cile. E la differenza è notevole.

Continua a leggere su OggiScienza: 20 maggio 1990 – 29 anni fa la prima immagine da Hubble    

Pubblicato in Reblog

Europee 2019, i programmi dei partiti tra energie rinnovabili e innovazione

Veronica Nicosia

Le elezioni europee del 26 maggio 2019 si avvicinano e i partiti hanno presentato i loro programmi. La maggior parte dei 18 partiti che si presenteranno al voto si lascia andare a semplici slogan o pochi punti per descrivere le proprie intenzioni, senza però specificare cosa realmente intende fare in campo di energia, mentre le politiche energetiche svolgono un ruolo chiave nei partiti “verdi” ed ecologisti. Partendo dal concetto di innovazione in campo politico come processi di digitalizzazione, politiche nella gestione dei big data e della privacy, progetti di mobilità sostenibile, di investimenti in infrastrutture per la diffusione di internet e della tecnologia affinché sia a portata di tutti, ma anche dell’impiego di intelligenze artificiali e auto a guida autonoma, la chiarezza è poca.

Continua a leggere su OggiScienzaEuropee 2019, i programmi dei partiti tra energie rinnovabili e innovazione 

Pubblicato in Reblog

I tremori dell’era Apollo rivelano una Luna dinamica e attiva

I tremori dell'era Apollo rivelano una Luna dinamica e attiva

Nel dicembre del 1972, gli astronauti dell’Apollo 17 Eugene Cernan e Harrison Schmitt trascorsero circa 75 ore sulla Luna nella valle di Taurus-Littrow (Apollo 17Crew/NASA)

Il 12 dicembre 1972, Gene Cernan parcheggiò la sua moon buggy nella parte sud orientale del Mare della Serenità, in una valle chiamata Taurus-Littrow. In lontananza si profilava una collina grigia chiamata Massiccio Nord. Verso occidente c’era una ripida scarpata, soprannominata Scarpata Lee-Lincoln: si trattava di una frana, che formava una sorta di muretto attraverso la valle, come un’escrescenza sul terreno lunare. Cernan e il suo vicino di posto sulla moon buggy, il collega astronauta Harrison “Jack” Schmitt, guardarono e scattarono alcune foto.

Continua a leggere su Le Scienze: I tremori dell’era Apollo rivelano una Luna dinamica e attiva   

Pubblicato in Reblog

Luca Parmitano presenta Beyond: «Il nemico che fa paura è il riscaldamento globale»

Veronica Nicosia

Luca Parmitano durante l’addestramento al Johnson Space Center della NASA. Crediti: ESA – S. Corvaja

“Sono un pelato col pizzetto a cui hanno concesso di andare nello spazio”.

Luca Parmitano, astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), a 42 anni apre con ironia il suo intervento nella sede ESRIN/ESA di Frascati, vicino Roma. L’ultima conferenza per presentare la missione Beyond, prima della partenza della spedizione 60/61 alla volta della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). La seconda missione nello spazio per Parmitano, stavolta anche con il ruolo di comandante di avamposto. Per l’astronauta ora cominciano i preparativi del lancio, fissato proprio per il 20 luglio 2019, il 50° anniversario dello sbarco dell’uomo sulla Luna.

Continua a leggere su OggiScienza: Luca Parmitano presenta Beyond – «Il nemico che fa paura è il riscaldamento globale»  

Pubblicato in Reblog