Sono in ritardo. E allora?


Da oltre 3 secoli, i governi ringraziano caldamente le ricche entrate portate dal gioco del Lotto.
Come sapete, ci sono 11 ruote, con 5 numeri (tra 1 e 90) estratti per ruota.

Calcolare la probabilità che un determinato numero esca è semplice: 5 su 90. Analogamente, è possibile calcolare la probabilità di indovinare una cinquina: 1 contro 43.949.268
Le cinquine sono pagate dallo stato solamente un milione di volte la posta. Ipotizziamo, ad esempio, che si giochino tutte le cinquine possibili, puntando 1 Euro a giocata. Sicuramente una di queste 44 milioni di giocate vincerà, pagando 1 milione di Euro di premio. Guadagno netto per lo Stato: 43 milioni (meno le spese).

Questo dovrebbe essere ben chiaro a chiunque investa parte dei propri risparmi nel gioco del Lotto.

Il pregiudizio più diffuso, tuttavia, si ritrova nella credenza relativa ai cosiddetti “numeri ritardatari”. Quando su una certa ruota non viene estratto da diverso tempo un certo numero, si ritiene che la probabilità di una sua estrazione aumenti. In realtà, la maggioranza dei giocatori e degli esperti che consigliano strategie di gioco (anche i servizi pubblici televisivi forniscono spazi a questo genere di “esperti”, vedi il Televideo RAI!) sembrano ignorare una regola fondamentale della statistica. Essa può essere sintetizzata affermando che “il caso non ha memoria”. In pratica se, ad esempio, io lancio una moneta e per dieci volte di seguito mi esce testa, la probabilità che all’undicesimo lancio esca croce rimane sempre il normale 50%.

Lo stesso concetto si applica al Lotto: il numero ritardatario (non importa di quanto) ha la stessa possibilità di essere estratto di ogni altro numero presente nell’urna.

L’ignoranza di questa regola elementare induce molti giocatori a puntare ingenti somme sui cosiddetti “numeri ritardatari”, con il solo risultato di aumentare considerevolmente la probabilità di perdita.
Alla prossima.

Da Il Novese, Giovedì 10 Gennaio 2008, Numero 1

PS: un amico mi ha fatto notare che le mie informazioni su quanto paga il lotto sono vecchie…. Dal Gennaio 2005 la cinquina paga 6 milioni di volte la posta, con una ritenuta fiscale del 6 %. Anche se questo non cambia la sostanza dell’articolo, è una ulteriore dimostrazione che bisogna sempre controllare tutto!

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in CICAP, Estrazioni, Lotto, probabilità, statistica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...