La matematica spiega gli hipster

OggiScienza

14181904232_016725e041_zWHAAAT? Il venerdì casual della scienza-  L’idea di hipster, che a noi forse ormai suona come qualcosa di recente invenzione, in realtà è nata negli anni Quaranta, per descrivere gli appassionati di jazz e bebop. A un certo punto le è successo qualcosa e questo abusato termine è andato a descrivere una sottocultura fatta di musica indie, prodotti equosolidali, vestiti se possibile vintage e insomma, uno stile di vita alternativo. Con i wayfarer.

Sul TIME e su Wikipedia ma ancora non sappiamo chi sono

In realtà già il semplice fatto di poter fare su due piedi un identikit dell’hipster fa capire come la loro missione originaria sia fallita: nel volersi allontanare dalla maggioranza, gli hipster hanno finito per assomigliarsi tra loro. Sarà che l’imitazione è nella natura umana, ma resta un paradosso. Cos’è davvero l’animale hipster? Perché ama le macchine fotografiche analogiche e i baffi? Dove vive? Secondo Wikipedia, a…

View original post 856 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.