Botanica spaziale dalla ISS alla Terra

OggiScienza

tropi-2-headerAPPROFONDIMENTO – Mille piante germinate e cresciute a bordo della Stazione Spaziale Internazionale sono arrivate, qualche tempo fa, al Dipartimento di botanica dell’Università del Wisconsin-Madison. Ad attenderle il team di Simon Gilroy, botanico, con alle spalle il supporto della NASA. E qualche mese di freezer. Una volta scongelate, le piantine arrivate sulla Terra in piastre Petri (o meglio, il loro RNA) diventeranno le protagoniste di svariati studi scientifici, per esplorare il controllo genetico di quelle proteine che hanno loro permesso di crescere sulla ISS. A gravità zero.

Si tratta, approssimativamente, di nientemeno che 30.000 geni da studiare. Metà delle piante saranno oggetto delle ricerche del laboratorio di Gilroy, che non ha nascosto il suo entusiasmo. “La gravità è una forza straordinariamente pervasiva, che influenza l’intero ambito della biologia. Uno degli astronauti si è reso conto che le piante diventano ‘pigre’ in un ambiente senza gravità. Crescono più allungate e sottili e…

View original post 772 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.