Scudi spaziali

OggiScienza

Rendering_of_Van_Allen_radiation_belts_of_Earth

SCOPERTE – Un team guidato dall’Università di Boulder in Colorado ha scoperto uno scudo invisibile, circa 11 500 Km sopra la Terra, che blocca i cosiddetti “killer electrons“, gli elettroni che viaggiano quasi alla velocità della luce e possono provocare danni a satelliti e missioni spaziali. Questa barriera, descritta in uno studio pubblicato su Nature, è stata scoperta all’interno delle fasce di Van Allen, due anelli a forma di ciambella che circondano la Terra, dove si muovono elettroni altamente energetici e protoni.

stacerboomdeploy_0Le fasce di Van Allen sono state scoperte nel 1958 dal professor James Van Allen e il suo team all’Università dell’Iowa; i ricercatori individuarono due fasce separate, una interna e una esterna, che si estendono fino a circa 40000 km sopra la Terra. Nel 2013 il Professor Daniel Baker, dottorato proprio con Van Allen e direttore del CU-Boulder Laboratory for Atmospheric and Space Physics (LASP

View original post 345 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.