No. L’ovocita (manipolato) non è un embrione

OggiScienza

6805264059_2dffa2c790_b

CRONACA – Per fare un embrione umano ci vogliono una cellula uovo e uno spermatozoo, giusto? In effetti in natura funziona così, ma in laboratorio le cose possono andare diversamente, grazie a metodi che permettono di “attivare” un ovocita in modo che cominci a dividersi e a svilupparsi anche senza essere stato fecondato da un gamete maschile. Si chiama partenogenesi, è piuttosto semplice da ottenere – basta mettere in coltura l’ovocita con alcuni agenti chimici – e il risultato è un partenote, una cellula che, almeno nelle primissime fasi di sviluppo, si comporta come un embrione. Ebbene, negli ultimi anni il partenote è stato al centro di una vicenda giuridica che ha visto compiersi ieri, 18 dicembre, il suo ultimo (o meglio, penultimo) atto, con una sentenza della Corte di giustizia europea secondo la quale un ovocita attivato per partenogenesi non può essere automaticamente considerato un embrione, in grado…

View original post 653 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.