Braccio ingessato? Provate a pensare di muoverlo

OggiScienza

175119264_e5ab911826_zSALUTE – Se vi è mai capitato di rompervi un braccio (o una gamba, o così via) e dover portare il gesso per qualche tempo, la sensazione non vi sarà nuova: una volta rimossa l’ingessatura, recuperare la forza muscolare e muoversi agevolmente è decisamente un’impresa ardua. E richiede del tempo.

Eppure secondo una ricerca recente un modo per accelerare il processo c’è, e risiede nella nostra immaginazione. Fare regolarmente degli esercizi in cui immaginiamo di stare muovendo l’arto immobilizzato, durante tutto il periodo in cui portiamo il gesso, ridurrebbe del 50% i tempi di ripresa una volta che lo avremo tolto. Quando non ci si può muovere, pensare di farlo potrebbe essere la chiave per “combattere” la perdita di massa muscolare alla quale ormai ci eravamo rassegnati.

La forza fisica viene controllata da una serie di fattori differenti e i più studiati fino a oggi risiedono nella muscolatura scheletrica; ma…

View original post 328 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.