Occhi in prestito

OggiScienza

709945164_f945e4f475_zTECNOLOGIA – “Presta i tuoi occhi a un cieco”. L’ invito è sul sito di Be my eyes, un’applicazione per smartphone in grado di mettere in contatto ciechi e vedenti. Il funzionamento è semplice, le ricadute nella vita quotidiana di chi non vede possono essere enormi.

Per partecipare ci si deve iscrivere sulla piattaforma, specificando se lo si fa come volontari vedenti o come ciechi o ipovedenti, e scaricare la app sul proprio smartphone. “A questo punto si è a tutti gli effetti parte di una rete”, spiega Massimo Vita, presidente della sezione territoriale di Siena dell’Unione Nazionale Ciechi e Ipovedenti.

Gli utenti di Be my eyes sono collegati tramite chat video. Il cieco inquadra con la telecamera l’oggetto o la situazione che vuole vedere e il volontario riceve una notifica sul telefono. Se quest’ultimo non è occupato, può aprire l’applicazione, vedere le immagini e raccontarle al non vedente.

View original post 233 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.