Tutta colpa della materia oscura

OggiScienza

Realistic_black_hole_in_the_interstellar_movie
RICERCA – Secondo un nuovo studio pubblicato di recente su The Astrophysical Journal, la mano invisibile della materia oscura influenzerebbe anche la crescita dei buchi neri supermassicci. Il dato di fatto è che si ritiene che ogni galassia abbia al suo centro un buco nero supermassiccio, con una massa cioè anche miliardi di volte quella del Sole, e più pesante risulta la galassia, più grande è il buco nero. La domanda che da tempo gli scienziati si stanno ponendo è se questo fatto sia correlato e in che modo con la materia oscura, quella grossa fetta di materia che compone il nostro universo e che non riusciamo a osservare poiché non emette radiazione elettromagnetica.

Ebbene, proprio grazie a questa nuova ricerca, condotta da un gruppo di ricercatori dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) su un folto gruppo di galassie ellittiche, pare si sia riusciti a dimostrare che la materia oscura ricopre…

View original post 290 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.