Diagnosi prenatale: il futuro dei test non invasivi

OggiScienza

https://www.flickr.com/photos/oliver_symens_de/16353527186/in/photolist-qV76Th-b6LJRZ-pJo7tz-6rFnSq-7GSUfy-8N5srv-qoJC8k-7jPyDj-7erzYD-hyE2be-5yaDKV-hyLwh-jvLxZ1-bk57bG-fxPKCG-3c5QUb-5yaDMx-qoH8mB-qEZdmk-eKbCLP-6rBfs2-4shAE2-dLizkT-bCko1x-dLp5Kw-dLiyGZ-7nkBSD-hhXHpU-amTd1C-2kkY1U-2kgBr8-2kgBMB-2kgBot-fDR1kb-6rFnQQ-2kgBwK-aHtEgi-797AS7-f1ZeUm-5ZgNdJ-7BXFNv-2kgBE6-bVVRN5-qrF5Z-2kgBXn-2kgBeH-2kgBKn-2kgBH4-2kgB5v-2kkXC1GRAVIDANZA E DINTORNI – Era il 1997 quando Dennis Lo, oggi alla Chinese University di Hong Kong, scopriva che nel sangue materno circola DNA di origine fetale. Immediato pensare di utilizzare questo DNA per scoprire eventuali malattie del bambino ancora in utero, evitando il ricorso a tecniche invasive come amniocentesi o villocentesi. Diciamolo subito: non ci siamo ancora. Però è vero che per lo screening di alcune anomalie cromosomiche, il test sul DNA fetale del sangue materno si sta dimostrando sempre più affidabile. E per quanto riguarda la sindrome di Down è addirittura migliore del test di screening classico, quello che si fa nel primo trimestre combinando la misurazione per ecografia della traslucenza nucale con i valori di alcuni parametri biochimici della mamma.

Lo aveva già suggerito una metanalisi pubblicata a marzo dal gruppo di ricerca di Kypros Nicolaides del King’s College Hospital di Londra, uno dei massimi guru…

View original post 726 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.