Cene spaziali sulla Terra

OggiScienza

immagine-argotec-480x360FUTURO – Che gli astronauti non si accontentino più di pillole e cibi insapori l’abbiamo capito da un pezzo, più o meno da quando Luca Parmitano si mangiò lasagne e tiramisù centinaia di chilometri sopra la nostra testa.

Adesso la novità è che il cibo spaziale non si mangia soltanto nella Stazione Spaziale Internazionale, ma anche sulla Terra.

Con Samantha Cristoforetti infatti Argotec, l’azienda che prepara il cosiddetto bonus food (il cibo per le occasioni speciali) ha lavorato su alimenti bilanciati, studiando piatti unici che potessero essere piacevoli al palato ma allo stesso tempo permettessero all’astronauta di non appesantirsi. Grazie a questo apporto scientifico è nata una linea di prodotti – destinati principalmente agli sportivi – anche per chi nello spazio non ci è mai andato. Così, sul sito Ready to lunch si possono trovare barrette per gli snack e buste contenenti i cibi che Samantha ha scelto: insalata di…

View original post 132 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.