Troppo lavoro per i medici italiani, e la salute ne risente

OggiScienza

4086639111_a7e7a56912_zSALUTE – Un imbuto. Se si guardano i dati dei vari report e sondaggi degli ultimi anni sull’attività e sullo stato di salute dei medici italiani non si può che pensare a un collo sottile, quello rappresentato da un personale medico sempre più ridotto all’osso e una richiesta via via crescente di assistenza sanitaria. Da un lato la popolazione invecchia, con il conseguente aumento dei pazienti con più malattie croniche, o con disturbi cardiocircolatori, e dall’altra la spending review lavora di accetta, con la conseguenza che anche la salute degli stessi medici italiani sembra risentirne.
A raccontarlo sono i risultati di un sondaggio condotto da Anaao- Assomed nei mesi scorsi e che ha coinvolto oltre 1900 medici da nord a sud della penisola e appartenenti a varie fasce d’età. Un carico di lavoro sempre maggiore che incide sulla salute di chi dovrebbe curare, dai problemi legati al metabolismo e al sonno…

View original post 377 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.