I ratti che si salvano la vita

OggiScienza

rat-435950_1280
SCOPERTE – Se un ratto vede un altro ratto che sta annegando, farà il possibile per aiutarlo e salvargli la vita. Anche se non trae alcun guadagno dal prestare soccorso, lo farà specialmente se in passato lui stesso ha rischiato di morire allo stesso modo. Lo spiega uno studio, condotto da Nobuya Sato e i suoi colleghi della Kwansei Gakuin University in Giappone e pubblicato su Animal Cognition.

Per scoprire questo comportamento prosociale nei ratti, il team di Sato ha condotto tre diverse serie di esperimenti utilizzando una piccola piscina. Uno dei ratti veniva fatto nuotare senza possibilità di uscire dall’acqua se non una piccola piattaforma all’asciutto, in cui stava rinchiuso l’altro ratto e che era accessibile solo se quest’ultimo avesse attivamente deciso di aprirla.

I ricercatori hanno notato che i ratti imparavano rapidamente che, per aiutare i loro conspecifici, dovevano aprire la porta. Ma lo facevano solamente…

View original post 263 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.