Baby talk: lo fanno anche i papà?

OggiScienza

2756919837_6e255dfc63_z
SCOPERTE – Quando i genitori parlano con i loro bimbi piccoli, spesso lo fanno in modo decisamente diverso da quello con il quale si rivolgono agli adulti: voci acute, toni alti, parlano quello che in inglese viene chiamato il “motherese” o baby talk, il madrese insomma. Chiamato così perché, dalle osservazioni sul rapporto genitori-figli condotte finora, parlare in questo modo sembrava prerogativa delle madri (le figure genitoriali più studiate, basandosi su un’idea sempre meno attuale di famiglia in cui è la mamma a occuparsi di crescere i bimbi). Ma lo è davvero? E che effetto ha il mammese sui bambini, in particolare sulle loro capacità di imparare a esprimersi?

Mentre i ruoli parentali cambiano (mentre i consigli sulla genitorialità cercano di dare una mano) e il coinvolgimento del padre nella crescita dei figli è sempre maggiore, i ricercatori volevano rispondere anche a un’altra domanda: anche i papà cambiano…

View original post 434 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.