Prevedere il risultato finale nel basket

OggiScienza

gara3
RICERCA – Gli appassionati di pallacanestro, e di sport in generale, sanno quanto è difficile predire il risultato finale di una partita: troppi i fattori da tenere in considerazione, non ultimo l’errore umano che non ti aspetti, il tiro più improbabile che va a segno, un fattore esterno che non era possibile prendere in considerazione a priori. Tutto ciò alimenta sicuramente l’attesa per il risultato, che è ancora più adrenalinico quando ci si gioca la finale del campionato in uno scontro faccia a faccia ripetuto come avviene nei playoff.

Ora la fisica sembra aver trovato alcuni elementi statistici che possono aiutare a prevedere il vincitore finale di una partita di pallacanestro. Li hanno individuati un gruppo di fisici in un articolo in uscita su Physical Review Eanalizzando l’andamento del punteggio di oltre 40 mila partite degli sport americani giocati a livello professionistico o semiprofessionistico. In particolare, i ricercatori hanno…

View original post 455 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.