Animali estremi, l’abominevole granchio yeti

OggiScienza

210206499-c2a8eacb-6bd8-418d-939a-867d9213a1fd
SCOPERTE – Un passo troppo vicino alle bollenti sorgenti idrotermali e finirebbe cotto a 400°C, allontanandosi troppo il rischio è invece il congelamento. Così una nuova specie di granchio yeti (Kiwa tyleri, chiamata così in onore del pioniere della scienza degli abissi marini Paul Tyler) trascorre la quasi totalità della sua esistenza in una nicchia a dir poco microscopica, al largo dell’Antartide, presso le sorgenti della East Scotia Ridge a 2.600 metri. È stato descritto in una ricerca pubblicata su PLoS ONE e, ancora una volta, ci ricorda di quanto ci sia da scoprire nelle profondità degli oceani.

Come le altre due specie già note, Kiwa hirsuta e Kiwa puravida (scoperte rispettivamente nel 2005 e nel 2006), il granchio yeti deve il suo nome da abominevole uomo delle nevi al fatto d’essere coperto da strutture bianche simili a peli, chiamate setae. Non si tratta di strumenti decorativi…

View original post 274 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.