L’animale che non muore mai

OggiScienza

MULTIMEDIA – Il suo nome evoca un mostro mitologico dalle nove teste, l’Idra di Lerna, il mostro che Ercole deve affrontare e uccidere nelle sue celebri fatiche. Si chiama Hydra vulgaris ed è un piccolo polipo di acqua dolce che vive in pozze e laghetti di zone temperate e tropicali di tutti i continenti. L’Hydra viene segnalata per la prima volta dal microscopista olandese Anton van Leeuwenhoek all’inizio del ‘700, ma il suo studio viene completato da Abraham Trembley nel 1744. Trembley, conducendo gli esperimenti su un esemplare a sette teste, che chiama proprio “Hydra”, ne descrive accuratamente la morfologia, il sistema di locomozione e le straordinarie capacità rigenerative. A conclusione dei suoi studi, Trembley inserisce l’Hydra nel regno degli animali.

Quasi due secoli dopo, gli esperimenti sulle capacità rigenerative di questo animale diventano paradigma della sua immortalità. Il primo a raccontarlo in una pubblicazione scientifica fu il professore Daniel Martinez del Pomona…

View original post 57 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.