Distruggere gli habitat per aumentare la sicurezza alimentare. Ne vale la pena?

OggiScienza

4812174205_82efa70375_z

AMBIENTE – Da Berkeley gli scienziati mettono in guardia: tutti gli sforzi messi in atto per “ripulire” le coltivazioni dalla vegetazione circostante, in modo da aumentare la sicurezza del cibo prodotto, non solamente non sono d’aiuto ma addirittura possono rivelarsi controproducenti. I ricercatori lo scrivono sulla rivista PNASquestionando l’intero sistema che prevede la rimozione della vegetazione estranea alla coltivazione per ridurre la “contaminazione” in campo dei prodotti agricoli da parte di patogeni.

Si tratta di una pratica che da lungo tempo causa una perdita di habitat a livello estensivo, e negli Stati Uniti si è intensificata a partire dal 2006, quando a causa del batterio Escherichia coli contenuto in spinaci confezionati morirono tre persone, e altre centinaia negli USA si ammalarono. “La fauna selvatica si prese gran parte della colpa per quell’epidemia, nonostante i tassi di presenza del batterio negli animali selvatici siano sempre piuttosto bassi”, commenta Daniel Karp…

View original post 580 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.