Qualcosa di più che “buono”

OggiScienza

47664_ppl
CULTURA – Kate (Hilary Swank) è una donna di successo, pianista eccellente e moglie dai modi posati, a cui è stata diagnostica la SLA. Bec (Emmy Rossum) è una disinvolta studentessa universitaria e aspirante cantante con una vita sconclusionata. Le cose iniziano a cambiare quando Bec si propone di lavorare come assistente di Kate. Non sembra la persona adatta a Kate, ma è proprio per le loro differenze che, quando il perfetto matrimonio di Kate con Evan (Josh Duhamel) entra in crisi, le due donne riescono ad affidarsi l’una all’altra. È la trama del film “Qualcosa di buono”, uscito nel 2014 in America e da noi nelle sale in questi giorni, ispirato all’omonimo romanzo di Michelle Wildgen.

Hilary Swank è da anni ormai un’attrice specialista del dolore, dal ruolo di pugile paralizzata in Million Dollar Baby alla ragazza che rifiuta il suo corpo in Boys…

View original post 194 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.