L’origine della coda dell’anchilosauro

OggiScienza

150831101513_1_900x600

RICERCA – I paleontologi l’hanno definito un carro armato vivente e non è difficile capire il perché. Parliamo dell’Ankylosaurus, un (quasi) pacifico dinosauro erbivoro caratterizzato da una vera e propria corazza di placche ossee e da una vistosa coda dotata di una grossa escrescenza ossea sulla punta. Una vera e propria arma di difesa contro i grossi predatori che si è evoluta circa 66 milioni di anni fa, durante il Cretaceo. Gli anchilosauri, tuttavia, popolavano la terra molto tempo prima, durante il Giurassico, ma la struttura della loro coda era molto diversa. Come si è evoluta questa potente arma? A spiegarlo è una ricerca condotta dai paleontologi del Museo di Storia Naturale del North Carolina, negli Stati Uniti, pubblicata sul Journal of Anatomy.

Victoria Arbour e colleghi hanno analizzato i fossili di specie diverse, tutte appartenenti alla famiglia degli anchilosauri, ma vissute in periodi differenti: il 

View original post 352 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.