Perdi di più se la slot machine è “umana”

OggiScienza

2903415821_cbd806c9e7_z

SCOPERTE – Gli esseri umani tendono ad attribuire caratteristiche umane – come la capacità di provare emozioni o di avere una coscienza – agli oggetti, ai fenomeni naturali, alle macchine. Così la pioggia ce l’ha con noi quando andiamo in vacanza e se la macchina non parte cerchiamo di convincerla a suon di “dai, bella, dai, forza, non puoi lasciarmi così”. E se vedessimo come più “umane” anche le macchinette per il gioco d’azzardo? Perderemmo molti più soldi.

Lo ha scoperto un team di ricerca formato da Paolo Riva, Simona Sacchi e Marco Brambilla del Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Lo studio, pubblicato sull’ultimo numero del Journal of Experimental Psychology: Applied, si è svolto in cinque sessioni di esperimenti e ha indicato che quando le macchine da gioco sono percepite come “più umane” il giocatore tende a giocare più a lungo e, di conseguenza…

View original post 313 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.