Databases #1: organismi modello

OggiScienza

MULTIMEDIA – Fin dalla sua nascita internet è stato al servizio della ricerca. I dati raccolti da migliaia di ricercatori sono stati progressivamente messi online, organizzati in databases accessibili a tutti.

Da qualche anno esiste il Registry of research data repositories che raccoglie e cataloga banche dati sulla ricerca. Una sorta di meta-database che si prefigge di facilitare il lavoro di chi fa ricerca nelle discipline più diverse, elencando i siti dove si possono trovare o depositare dati.

Questa serie di quattro animazioni, una a settimana, esplora questo mondo sconfinato di banche dati. Ogni puntata avrà un tema e toccherà soltanto l’apice dell’iceberg (o forse un solo atomo di esso), senza nessuna presunzione di completezza.

Il primo tema è quello degli organismi modello: quelle specie viventi che per ragioni diverse, per lo più funzionali, sono diventate le più usate in laboratorio. Moscerini, topi, piante e tanti altri.

@llazzarato

Leggi anche:

View original post 14 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.