Melanosomi fossili per scoprire il colore degli animali estinti

OggiScienza

14091612527_5b823954a6_z
SCOPERTE – Per la prima volta siamo riusciti a identificare il colore di un mammifero ormai estinto partendo dall’analisi dei suoi resti fossili, o meglio, dalla forma dei suoi melanosomi. È il risultato dei ricercatori del Virginia Tech e dell’Università di Bristol in collaborazione con un team internazionale (da Etiopia, Danimarca, UK e Germania), scopritori di una nuova tecnica che si è rivelata efficace su fossili vecchi di 50 milioni di anni, ma può essere usata anche su resti molto più antichi.

Si può usare con successo questa tecnica su fossili vecchi fino a 300 milioni di anni, spiegano su Proceedings of the National Academy of Sciences i ricercatori, che finora hanno lavorato su svariati tessuti animali: pesci, rane, girini, ma anche i peli di mammiferi, piume e penne dagli uccelli e inchiostro preso da polpi e calamari.

“Tutti questi campioni conservano la melanina”, spiega Caitlin Colleary, prima…

View original post 496 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.