Perché gli elefanti non hanno (quasi mai) il cancro

OggiScienza

7029507015_b161d55f7c_z

SCOPERTE – Gli elefanti africani hanno almeno 40 copie alternative (alleli) del gene che codifica per un noto soppressore tumorale, p53, ed è per questo che succede molto di rado che uno di questi animali si ammali di tumore: la loro resistenza al cancro è elevatissima. La scoperta, che arriva dopo decenni di studi in materia, è il risultato del lavoro dei ricercatori dell’Huntsman Cancer Institute della University of Utah and Arizona State in collaborazione con gli scienziati del Ringling Bros. Center for Elephant Conservation.

Un elefante ha cento volte la quantità di cellule di un essere umano ed è un animale estremamente longevo, il che, spiegano i ricercatori, farebbe logicamente pensare che sia anche 100 volte più a rischio di ammalarsi di cancro: ora sappiamo perché non succede e perché la mortalità per tumore di un elefante sia ben al di sotto del 5% (mentre per…

View original post 392 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.