Sindrome di Susac, censimento mondiale dei pazienti

OggiScienza

noname-1

APPROFONDIMENTO – Vivere intrappolati in una sorta di eterno presente: è questo quello che emerge dalle storie di persone affette da sindrome di Susac che si trovano in rete. C’è il racconto della ragazza che ogni mattina si sveglia cancellando la memoria delle ultime 24 ore, come nel film “50 volte il primo bacio” e non ricorda che la madre è morta. E quello della donna inglese convinta di trovarsi in Francia, Paese in cui aveva vissuto per lavoro diversi anni prima, e che per questo si ostina a parlare in francese e a richiedere croissant per colazione. È probabile che qualche particolare di queste storie sia stato edulcorato dalla cronaca, ma in effetti tra i sintomi della sindrome si annoverano lo stato confusionale e la perdita di memoria a breve termine.

Tra le altre manifestazioni della malattia ci sono anche la perdita dell’udito, della vista, la visione di…

View original post 621 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.