Come il cervello sceglie di dimenticare alcune cose

OggiScienza

611px-Neuron_in_tissue_culture

SCOPERTE – Se avete visto il film Pixar Inside Out, vi sarete certamente messi a fantasticare su quali meccanismi nel nostro cervello stabiliscono che una certa informazione va mantenuta, un’altra eliminata per fare spazio e via dicendo – probabilmente vi siete anche chiesti chi nella vostra testa ha deciso che una certa canzone deve tornarvi in mente nei modi meno opportuni. Certo, perché il cervello umano può contare non solo su strategie per imparare e memorizzare concetti, ma anche su altre che si occupano letteralmente di dimenticare ciò che non serve.

Ora alla Lund University svedese i ricercatori hanno indagato il meccanismo a livello cellulare, spiegando un fenomeno che risultava piuttosto ostico da capire. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista PNAS. La premessa dello studio è che un qualsiasi essere umano o animale è in grado di associare un segnale luminoso o un suono a uno…

View original post 268 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.