Perché i serpenti hanno perso le zampe

OggiScienza

640px-Dendroaspis_viridis_001

SCOPERTE – Le analisi condotte sul fossile di un rettile hanno portato un gruppo di ricercatori ad aggiungere un tassello nel puzzle dell’evoluzione dei serpenti. Rispondendo, in particolare, a una domanda: come hanno fatto i serpenti a perdere gli arti? Hongyu Yi della University of Edinburgh’s School of GeoSciences e i suoi colleghi lo spiegano su Science Advances, dopo un ampio studio supportato dalla Royal Society. Non è successo per passare dalla terraferma alla vita negli oceani, come suggerisce il grosso delle ipotesi al riguardo, bensì per poter scavare cunicoli e cacciare prede al loro interno.

La scoperta è arrivata studiando le ossa dell’orecchio interno di un cranio vecchio 90 milioni di anni, appartenente alla specie Dinilysia patagonica. I resti di questo rettile, lungo due metri e strettamente imparentato con i serpenti moderni, sono stati analizzati tramite tomografia computerizzata; ne è emerso che le…

View original post 245 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.