Sempre meno i soldi spesi per la scuola italiana

OggiScienza

12212474014_523cd63525_z
APPROFONDIMENTO – In Italia, lo abbiamo raccontato recentemente su queste colonne, una laurea non è un investimento altrettanto redditizio di quanto lo sia in altri paesi economicamente avanzati. Un laureato italiano guadagna il 143% di chi non ha la laurea, ma in media un laureato di un paese OCSE guadagna il 160% di un diplomato dello stesso paese. Si tratta sempre di un dato da prendere con le dovute cautele, per non rischiare di cadere in semplificazioni come quelle generate dalle dichiarazioni del Ministro Poletti, che riecheggiano quelle di qualche anno fa sui bamboccioni di Padoa Schioppa. Ma lasciando da perdere le interpretazioni sociologiche o psicologiche da bar, possiamo trovare qualche elemento su cui discutere sensatamente?

Premessa: se chi si laurea in Italia ha come prospettiva quella di guadagnare meno di un collega di molti altri paesi OCSE, e non solo, forse c’è un problema più grande, come scrive 

View original post 728 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.