Cucinare fa morire 4 milioni di persone ogni anno

OggiScienza

640px-Stove,waste_burning,rural,_pollution,Tamil_Nadu436

SPECIALE GENNAIO – Cucinare può uccidere. Non solo direttamente, durante i cosiddetti incidenti domestici, ma soprattutto in modo lento e indiretto: 4 milioni di persone, principalmente donne e bambini, muoiono ogni anno per malattie legate all’inquinamento domestico generato da fonti energetiche tradizionali, soprattutto la legna. Da 1,5 a 3 miliardi di persone, tuttora, non hanno un accesso minimo alla corrente elettrica. I problemi legati ai forni domestici primitivi vanno a incidere negativamente su tre aspetti principali della vita di queste persone: la salute, la condizione sociale e l’ambiente. Per Kirk Smith, Professore all’Università della California, l’utilizzo di fonti energetiche tradizionali “è un grosso problema, un problema maggiore rispetto all’inquinamento atmosferico o della potabilità dell’acqua”.

Poche settimane fa, Pechino è salita alla ribalta internazionale per aver raggiunto livelli proibitivi di inquinamento. Eppure, è stato calcolato che l’inquinamento medio delle case himalayane era due volte maggiore di quello raggiunto…

View original post 589 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...