I cavalli sanno leggere le emozioni umane?

OggiScienza

Occhio sinistro per osservare gli stimoli negativi, occhio destro per le novità. Anche i cavalli sanno capire se siamo felici o arrabbiati Occhio sinistro per osservare gli stimoli negativi, occhio destro per le novità. Anche i cavalli sanno capire se siamo felici o arrabbiati. Foto Pixabay

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza- Un paio di puntate fa abbiamo visto che i cani sono in grado di riconoscere le emozioni umane in modo molto sofisticato, associando stimoli diversi come un suono e un’espressione del volto. Ma che dire delle altre specie? I cavalli, ad esempio, ne sono capaci?

Uno studio su Biology Letters lo ha appena dimostrato, concludendo che anche loro sono in grado di discriminare tra un volto felice e uno arrabbiato (e chissà, magari gli torna utile per decidere se sgroppare il proprio cavaliere/ cavallerizza o procedere pacifici nel trotto). Gli psicologi della University of Sussex hanno mostrato a 28 cavalli immagini di volti umani con espressioni positive o negative e annotato con quale occhio le guardavano. Nessuno degli animali…

View original post 382 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.