Il pipistrello che prospera con il cambiamento climatico

OggiScienza

Un giovanissimo pipistrello albolimbato. Le femmine mettono al mondo due piccoli ogni anno invece che uno solo come molte altre specie. Foto Wikimedia Commons, Mnolf Un giovanissimo pipistrello albolimbato. Le femmine mettono al mondo due piccoli ogni anno invece che uno solo come molte altre specie della famiglia dei Vespertilionidi. Foto Wikimedia Commons, Mnolf

AMBIENTE – Negli ultimi 40 anni l’areale di diffusione del pipistrello albolimbato (Pipistrellus kuhlii) è aumentato quasi del 400%. Un’espansione simile non era mai stata registrata prima per altri pipistrelli e il motivo è, molto probabilmente, il cambiamento climatico. La scoperta, di un gruppo di ricerca guidato da Danilo Russo dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è stata appena pubblicata sulla rivista The Science of Nature.

Inizialmente questo pipistrello si poteva incontrare nell’Africa Settentrionale, in parti dell’Asia occidentale e nel Sud dell’Europa. Ma già negli anni ’80 è stato avvistato anche nel Nord della Francia e in Bulgaria, fino ad arrivare nel Regno Unito, in Repubblica Ceca, in Slovacchia, Ucraina, Ungheria, Romania, Bulgaria, Serbia e Polonia. Più una zona…

View original post 438 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.