Il toxoplasma tra scimpanzé e leopardo

OggiScienza

È possibile che il toxoplasma cambi il comportamento dell’ospite in modo specifico? Uno studio suggerisce di sì ma i dati per ora sono troppo pochi. Foto di Keven Law, Wikimedia Commons

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – La strategia del parassita Toxoplasma gondii è estremamente affascinante. Può avere diversi ospiti ma è solo all’interno di un gatto, l’ospite serbatoio, che può portare a termine il suo ciclo vitale e riprodursi. Proprio per questo quando si trova in un’altro animale, mettiamo un ratto o un topo, il suo unico obiettivo è riuscire a farsi portare il più vicino possibile a un gatto, ad esempio facendo mangiare il malcapitato roditore.

Ci riesce alterando in modo permanente le cellule nervose del suo ospite (qualche tempo fa abbiamo parlato di una delle ipotesi più gettonate su come lo fa), e portandolo a comportarsi in modo molto strano: se normalmente il topo fuggirebbe…

View original post 471 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.