Il codice Braille: storia di una rivoluzione

OggiScienza

Nel 1829 Louis Braille, all’età di quindici anni, ha inventato il codice che porta il suo nome, rivoluzionando il modo in cui le persone cieche o ipovedenti si relazionano con la parola scritta. Crediti immagine: Ralph Aichinger

SENZA BARRIERE – L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) stima che nel mondo le persone con problemi visivi siano 285 milioni. Tra queste, 39 milioni sono cieche e le restanti ipovedenti. Numeri significativi, se si pensa che, solo in Italia, secondo i dati rilasciati dal Ministero della Salute e aggiornati al 2014, circa lo 0,22% della popolazione soffre di deficit visivi e, nello specifico, 56 379 persone sono affette da cecità totale.

“Le persone non vedenti sono tante. Oggi sono inserite nella società, lavorano e hanno la possibilità di studiare. Fino a due secoli fa non era affatto così. I ciechi erano emarginati, non avevano accesso in modo diretto alla cultura e, se…

View original post 1.453 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.