Lis: tra presente e passato. La storia della Lingua dei segni italiana

OggiScienza

“Volevamo che nessuno si sentisse escluso o isolato. Così abbiamo proposto ai nostri 105 bambini di frequentare dei laboratori per l’apprendimento della Lis. Ne sono stati entusiasti fin da subito e anche i genitori hanno accolto con gioia l’iniziativa”. Crediti immagine: beingtallishard, Flickr

SENZA BARRIERE – A volte basta poco per rendere tutti felici. Lo sanno bene i bambini della scuola elementare Sant’Onofrio di Rimini che da tempo, guidati dalle proprie docenti, studiano la Lingua dei segni italiana (Lis) per comunicare e giocare con i compagni non udenti che frequentano l’istituto. “Tutto ha avuto inizio cinque anni fa”, racconta Lauramaria Tamburini, coordinatrice didattica della scuola romagnola. “Nel 2011, un bimbo con disabilità uditiva arrivò alla Sant’Onofrio. Aveva frequentato altri istituti ma non si era mai integrato. Comunicava solo in Lis, la Lingua dei segni italiana e nessuno era abbastanza preparato per accoglierlo. Neppure noi lo eravamo ma abbiamo accettato la…

View original post 1.266 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.