Dalia e Acacia vanno al bioparco

OggiScienza

FOTOGRAFIA – Il bioparco di Roma ospita 200 specie diverse, dai mammiferi ai rettili, passando per tutti i continenti. Tra questi animali si trovano anche le giraffe: il maschio Magoma è stato da poco raggiunto da due esemplari provenienti dallo Zoo di Copenaghen. Sono Dalia e Acacia, due femmine di giraffa reticolata, sorelle, rispettivamente di quattro e tre anni.

Le tre giraffe fanno parte del programma europeo di riproduzione in cattività (EEP) dedicato alle giraffe, al quale partecipano gli zoo membri dell’EAZA (Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari) che ospitano questi mammiferi.

Diamo loro il benvenuto con una galleria fotografica!

Leggi anche:Quando la scienza supera il muro

Pubblicato con licenza Creative Commons Attribuzione-Non opere derivate 2.5 Italia.   
Crediti immagine: Massimiliano Di Giovanni, Bioparco di Roma

View original post

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.