Referendum trivelle: le ragioni del no

OggiScienza

Iwafune-oki_oil_platform_in_Japan Controlli efficaci e un aggiornamento ai progressi tecnologici potrebbero ridurre il rischio di incidenti legati alle attività estrattive in mare. Crediti immagine: tsuda, Wikimedia Commons

SPECIALE MARZO – Quello del prossimo 17 aprile è stato definito un “referendum politico” dagli stessi promotori. Tuttavia, il terreno su cui discutono i sostenitori dell’una o dell’altra parte è spesso quello tecnico-scientifico. Così come è successo con il nucleare negli anni scorsi, si parla di ambiente e dei possibili incidenti, si cerca di calcolare il danno economico che deriverebbe da una cessazione delle attività o si teme per perdite nel turismo, che nel nostro Paese rappresenta un settore cruciale.

Per comprendere le ragioni del no, abbiamo intervistato Etta Patacca, professore ordinario di geologia all’Università di Pisa, che in passato ha svolto attività di consulenza per numerose compagnie petrolifere italiane e straniere.

Vale la pena cercare e sfruttare giacimenti di gas e olio in…

View original post 644 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.