Il potente calcio del serpentario

OggiScienza

Il serpentario è un rapace molto particolare, non arriva in volo sulla preda ma la prende letteralmente a calci. Crediti immagine: Lip Kee yap

WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – Di recente gli scienziati del Regno Unito hanno avuto modo di osservare e misurare una straordinaria abilità del serpentario, Sagittarius serpentarius, l’uccello rapace africano anche noto con il nome di segretario. Prende a calci i serpenti velenosi con una tale forza e una tale rapidità da riuscire a farli fuori senza grossa fatica. Un video lo mostra in azione.

Il serpentario è endemico dell’Africa ed è l’unica specie della famiglia Sagittariidae. Supera abbondantemente il metro di altezza e somiglia un po’ a un’aquila, ma con le lunghe zampe di una gru e una curiosa corona di penne dietro la testa, alla quale probabilmente deve il (secondo) nome di segretario. Il video vi ha già chiarito le idee…

View original post 399 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.