Il gene del diavolo: perché è ancora difficile parlare di test genetici

OggiScienza

1280px-US_Navy_060105-N-8154G-010_A_hospital_corpsman_with_the_Blood_Donor_Team_from_Portsmouth_Naval_Hospital_takes_samples_of_blood_from_a_donor_for_testing In Italia c’è ancora molta reticenza nell’uso di test genetici per la prevenzione di malattie ereditarie. Crediti immagine: Public Domain

LIBRI – Se abbiamo la possibilità di prevedere la trasmissione di una malattia genetica, è lecito non farlo? Questa è probabilmente la domanda cruciale all’interno del dibattito sui test genetici per la prevenzione di alcune delle migliaia di malattie genetiche esistenti. Oggi infatti le possibilità sarebbero molte, per esempio uno screening genomico su tutta la popolazione per individuare i portatori di centinaia di malattie, alcune molto gravi e diffuse, ma alla prova dei fatti si tratta di conoscenze che non stiamo sfruttando come la scienza ci permetterebbe.

barouckIl dibattito è infatti fervente e non è semplice fissare un punto fermo, anche perché, sottolinea Baroukh Assael nel suo prezioso libro Il gene del diavolo (Bollati Boringhieri 2016), “la prevenzione delle malattie genetiche pone il problema della vita. Lo spettro che…

View original post 866 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.