Super Terre calde “sfidano” stella: atmosfera strappata via

Quello che l’astronomia riesce a scoprire mi riempie sempre di meraviglia…

OggiScienza

Crediti immagine: Peter Devine

CRONACA – Passare così vicino alla propria stella da ritrovarsi senza atmosferarimanendo semplici nuclei rocciosi che orbitano intorno alla loro stella madre. Questi sono gli esopianeti della classe super Terre calde che ricordano Icaro, il personaggio della mitologia greca. Gli esopianeti rocciosi sono dotati di una propria atmosfera, ma proprio come Icaro si avvicinano troppo al loro Sole, un passaggio così ravvicinato da venire bombardati da radiazioni ad altissima energia che strappano via l’involucro d’aria che ne compone l’atmosfera.

I ricercatori del team internazionale, guidati da Mia Lundkvist del Zentrum für Astronomie der Universität Heidelberg, hanno elaborato i dati del telescopio spaziale Kepler della NASA e hanno pubblicato i risultati sulla rivista Nature Communications usando tecniche di asterosismologia, una branca dell’astronomia che studia la risonanza naturale delle stelle per determinarne la struttura interna e le caratteristiche. Proprio grazie a questa tecnica, gli astronomi sono stati in grado di scoprire quante più…

View original post 239 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.