Le app per la salute mentale funzionano?

OggiScienza

hands-coffee-smartphone-technology Sono molte le applicazioni per smartphone dedicate al monitoraggio di disturbi mentali, ma le evidenze scientifiche spesso mancano. Crediti immagine: Public Domain

APPROFONDIMENTO – Depressione, ansia, disturbo post-traumatico da stress, schizofrenia, disturbi alimentari, disturbo bipolare, dipendenze: esistono decine di applicazioni per smartphone per ognuno di questi disturbi psicopatologici. Secondo quanto riportato recentemente su Nature, nel 2013 erano disponibili 1500 app dedicate alla sola depressione. Ma qual è il valore terapeutico di queste applicazioni? Sono sicure? Quali sono i rischi?

Le app che si propongono di fornire un supporto nei vari casi di disturbo mentale possono essere genericamente divise in due categorie: attive e passive. Le prime richiedono un intervento diretto dell’utente, che può per esempio utilizzarle per registrare il suo stato d’animo e le sue esperienze. La seconda categoria comprende invece quelle app che autonomamente registrano le azioni dello smartphone, per esempio monitorando le coordinate GPS, lo scambio…

View original post 746 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.