Floating in a most peculiar way: 10 cover di Space Oddity di David Bowie

OggiScienza

STRANIMONDI – Lo scorso 10 gennaio è scomparso David Bowie, poco dopo aver pubblicato l’ultimo disco Blackstar. Il cantautore inglese è stato senza ombra di dubbio una delle icone artistiche degli ultimi cinquant’anni, con canzoni che hanno spesso travalicato il contesto pop/rock per guadagnarsi uno spazio unico nella cultura di massa mondiale. Una di queste è sicuramente Space Oddity, un brano pubblicato originariamente nel 1969, prima dell’arrivo sulla Luna di Neil Armstrong e Buzz Aldrin, ma che dopo l’allunaggio è diventato un vero e proprio inno allo spazio e all’astronautica. La cover più iconica, in questo senso, è probabilmente quella dell’astronauta Chris Hadfield che durante la sua permanenza sulla Stazione Spaziale Internazionale registra una propria versione del brano, in cui le preoccupazioni di Major Tom prendono corpo come mai prima:

L’occasione per tornare sull’episodio è la pubblicazione, lo scorso 14 aprile, del video della cover di Space…

View original post 743 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.