Studi pugliesi su Xylella fastidiosa: buoni risultati sui sintomi ma il batterio resta

Se si fossero cavati gli alberi infetti quando era ora… il problema sarebbe parecchio ridimensionato…

OggiScienza

Ricercatori dell’Università di Foggia hanno trattato gli olivi intaccati da Xylella fastidiosa con diversi composti riscontrando una crescita notevole di rami e foglie, prive di sintomi di disseccamento, entro cinque mesi dall’inizio del trattamento. Crediti immagine: Nicola, Flickr

AMBIENTE – “I trattamenti in corso di sperimentazione sugli olivi in Puglia possono ridurre i sintomi della malattia causata da Xylella fastidiosa ma non sono in grado di debellare l’agente patogeno dalle piante infette”. A darne notizia è l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), a seguito di una valutazione degli studi condotti sugli olivi pugliesi infetti dall’Università di Foggia e dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA) di Caserta.

I ricercatori dell’Università di Foggia, guidati da Francesco Lops e Antonia Carlucci, dopo una significativa potatura delle piante affette da CoDiRO, hanno trattato gli olivi intaccati dal batterio con diversi composti bioattivi, riscontrando una crescita notevole di rami…

View original post 269 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.