26 aprile 1986: il disastro di Chernobyl

OggiScienza

Le cause dell’incidente sono discordanti: per alcuni fu un errore umano, per altri degli errori nella costruzione del reattore, e per altri ancora entrambi i fattori assieme. Crediti immagine: Kamil Porembinsky, Flickr

APPROFONDIMENTO – È notte, e in quelle cittadine sperdute dell’Ucraina settentrionale, a fine aprile, non fa più così tanto freddo. All’improvviso si sente un grande boato. È distante e ovattato. Per chi dorme sembra solo di avere sognato. Chi si sveglia, invece, vede attraverso le finestre senza persiane un bagliore, lontano ma intenso, e di un colore diverso da quello dell’alba.

Il primo boato, diranno in seguito i tecnici per spiegare l’incidente, corrisponde a una violentissima esplosione. Oltre 1000 tonnellate di cemento e ferro saltano in aria scoprendo un cilindro, fino a quel momento chiuso ermeticamente, contenente il nocciolo di un reattore nucleare. I tecnici chiameranno quel cilindro “reattore 4” oppure “reattore di tipo RBMK-1000”…

View original post 322 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.