Petrolio a Genova, gli uccelli soccorsi dopo lo sversamento

Il petrolio dovrebbe essere usato solo come fonte di materie prime per la chimica (plastiche, solventi e simili), e non bruciato per l’autotrazione.

OggiScienza

13082555_1788534014701186_6917711849575381675_nAMBIENTE – Dopo più di una settimana dall’incidente, l’emergenza su Genova sembra essere rientrata. Nel torrente Polcevera e nel rio Fegino sono finite oltre 500 tonnellate di petrolio greggio e una parte ha raggiunto il mare: le prime operazioni di bonifica si sono concluse ma lo stesso Ministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, ha sottolineato che non c’è da festeggiare: “Chi viene in queste zone”, ha commentato, “si rende conto che c’è stato un fatto ambientale di rilievo e io non lo sottovaluto. Il lavoro più difficile, la bonifica, è quello che abbiamo davanti”.

Ci vorrà tempo per valutare i danni ambientali e le conseguenze dello sversamento sugli ecosistemi locali sono solo all’inizio. Al momento i corsi d’acqua sono dei veri deserti, “ovviamente non c’è traccia di fauna e il terreno rimarrà inquinato per chissà quanti anni. I piccoli anfibi sono stati colpiti subito dall’ondata: il Fegino è un…

View original post 783 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.