«Lei non voleva e gli dava calci, lui l’ha presa e l’ha buttata giù» Omertosa indifferenza e colpevole connivenza: ingiustificabile

La Fabozzi era già madre a 15 anni. Che sia stata anche lei vittima di abusi? Non che questo la giustifichi, nel caso renderebbe la storia ancora più triste… 😦

Bambini costretti ad abusi sessuali, costretti a vivere nella violenza e dalla realtà contornata dal degrado in cui crescono, questo emerge dalle parole di chi vive nell’isolato 3 del Parco verde. Non ho parole per quello che è accaduto alla povera Fortunata Loffredo chiamata Chicca. Aveva solo 6 anni e nell’omertà della gente è andata via, era colpevole solo di essersi voluta difendere da un mostro che voleva farle del male un altra volta..

chicca

Dalle indagini per la morte di Chicca emerge il ruolo passivo, indifferente, distaccato di Marianna Fabozzi, la compagna 26enne di Raimondo Caputo, che è ritenuto il principale assassino della bimba. Le uniche che hanno contribuito ad incastrare il mostro, sono state le 3 figlie della Fabozzi, Dora, 11 anni, Angela, 6 anni e Raffaella, 4 sono state loro a permettere una “svolta” e a consentire agli inquirenti di far luce sulla tragica fine della piccola.Nei loro disegni spaventosi e nei racconti i particolari del…

View original post 422 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.