Emimelia: la malattia rara che non fa crescere gli arti dei bambini

OggiScienza

Crediti immagine: falco, Pixabay

SALUTE – Ci sono bambini che nascono senza un segmento scheletrico in una gamba o in un braccio. Ci sono bambini che il segmento scheletrico ce l’hanno, ma è una porzione del loro corpo destinata a rimanere più piccola, sempre più indietro rispetto alla crescita della parte restante degli arti. La malattia è poco diffusa e il suo nome è sconosciuto ai più. Stiamo parlando dell’emimelia, anche nota con il nome di meromelia o aplasia. Se manca solo un segmento osseo si parla di emimelia longitudinale, quando invece è assente un arto o parte di esso, come se ci fosse stata un’amputazione, allora si parla di emimelia trasversale.

“La diagnosi della malattia avviene con un’ecografia, prima della nascita”, ha spiegato Gaetano Pagnotta, ortopedico presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e responsabile del reparto Malattie Congenite e Rare dello Scheletro. “È compito dell’ecografista misurare la…

View original post 734 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog, Uncategorized. Contrassegna il permalink.