Dalla demenza ai computer quantistici, i giochi che aiutano la ricerca

OggiScienza

Schermata 2016-05-26 alle 10.02.09 Sea Hero Quest è un gioco sviluppato da ricercatori che studiano la demenza.

APPROFONDIMENTO – Navigare in acque sconosciute e fotografare mostri marini. È questo lo scopo di Sea Hero Quest, un gioco per smartphone disponibile per iOS e per Android, sviluppato dai ricercatori della UCL e dell’Università dell’East Anglia, con il supporto di Deutsche Telecom e della Alzheimer’s Research UK. Sì, perché Sea Hero Quest non è un gioco di intrattenimento come tutti gli altri: mentre guidiamo la nostra barca alla ricerca dei pezzi perduti di una mappa, stiamo aiutando gli scienziati che studiano la demenza.

I ricercatori che lo hanno sviluppato affermano che due minuti di gioco sono equivalenti a cinque ore di test di laboratorio. Con 100 000 partecipanti si potrebbe arrivare a una quantità di dati pari a quella che viene normalmente ottenuta in 5 anni di studi.

Lo scopo è quello…

View original post 891 altre parole

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.