Nanotecnologie e comunicazione, c’è bisogno di nuovi linguaggi

OggiScienza

7497637986_7121b45c5b_z L’educazione scolastica potrebbe essere fondamentale per la creazione di un dialogo sulle nanotecnologie. Crediti immagine: Intel Free Press, Flickr

APPROFONDIMENTO – Quanto ci sono familiari le nanotecnologie? Se si prova a fare un bilancio sul flusso di informazioni relative al nano-mondo, la tendenza che si osserva è che se ne parli troppo o troppo poco. Infatti negli ultimi venti anni circa – ovvero il periodo che ha visto nascere e crescere con sorprendente velocità le nanoscienze – l’attenzione dei media e del pubblico ha toccato vette di grande popolarità per ripiombare di nuovo nel disinteresse più totale, nonostante sembra sia chiara a tutti l’esigenza di stabilire regole condivise nell’utilizzo di nanoparticelle, soprattutto in ambito sanitario. Tra questi due estremi, mentre le nanotecnologie si sono diffuse con discrezione un po’ ovunque, non è stato di fatto ancora formulato un linguaggio adatto che le renda meno invisibili e sospettose agli occhi…

View original post 1.062 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.