Nanotecnologie e comunicazione, c’è bisogno di nuovi linguaggi

OggiScienza

7497637986_7121b45c5b_z L’educazione scolastica potrebbe essere fondamentale per la creazione di un dialogo sulle nanotecnologie. Crediti immagine: Intel Free Press, Flickr

APPROFONDIMENTO – Quanto ci sono familiari le nanotecnologie? Se si prova a fare un bilancio sul flusso di informazioni relative al nano-mondo, la tendenza che si osserva è che se ne parli troppo o troppo poco. Infatti negli ultimi venti anni circa – ovvero il periodo che ha visto nascere e crescere con sorprendente velocità le nanoscienze – l’attenzione dei media e del pubblico ha toccato vette di grande popolarità per ripiombare di nuovo nel disinteresse più totale, nonostante sembra sia chiara a tutti l’esigenza di stabilire regole condivise nell’utilizzo di nanoparticelle, soprattutto in ambito sanitario. Tra questi due estremi, mentre le nanotecnologie si sono diffuse con discrezione un po’ ovunque, non è stato di fatto ancora formulato un linguaggio adatto che le renda meno invisibili e sospettose agli occhi…

View original post 1.062 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...