La mappa della povertà nel mondo

OggiScienza

Un “semplice” incrocio tra architetture antropiche evidenziate dalle luci della notte e i corrispettivi paesaggi diurni può generare una mappa accurata della povertà? Crediti immagine: Pixabay

ATTUALITÀ – Machine learning, l’apprendimento automatico per ottenere una mappa dettagliata delle aree povere del mondo. Si tratta di un nuovo metodo proposto da un team di ricercatori di Stanford che sfrutta al meglio la possibilità di progettare algoritmi che “imparino” autonomamente dai dati che vengono sottoposti, generando nuove informazioni.

I dati sulle condizioni in cui versano le popolazioni che vivono nei luoghi meno sviluppati del nostro pianeta sono pochi e frammentati. Al contempo, però, i moderni sistemi di mappatura satellitare forniscono in tempo reale enormi quantità di informazioni. Da queste premesse i ricercatori hanno cercato di capire in che modo si potessero sfruttare le immagini ad alta risoluzione per fare emergere le caratteristiche che definiscono un’area “povera” o “ricca”.

Il…

View original post 177 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Naufragato su questo pianeta mentre ero in viaggio tra Sirio e Nibiru, ho dovuto nascondere la mia identità nei panni dell’umano Claudio, classe 1962. Vivo a Novi Ligure (AL) da quando ero bambino. Dopo il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, ho iniziato a lavorare nell’industria delle vernici, prima in un gruppo americano, poi in uno olandese, con incarichi che hanno spaziato dalla ricerca e sviluppo al marketing all’IT. Attualmente mi occupo di prevenzione e sicurezza in una azienda, sempre di vernici, in provincia di Alessandria. Adoro leggere di tutto un po’, soprattutto fantascienza e fantasy, ed ho un forte interesse per libri e riviste di carattere scientifico. Nel 2005 scoprii il CICAP, e grazie al loro aiuto e supporto, alle letture scientifiche aggiunsi l’attività di divulgazione che mi hanno portato a curare una rubrica su un periodico e su un sito web locali, ad organizzare varie conferenze, spettacoli di magia della scienza per i bambini, ed addirittura un libro... potete trovare i dettagli a questo link: http://goo.gl/ef4XsF
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.