Fossili e cambiamento climatico: usare il passato per prevedere il futuro

OggiScienza

4217645856_f3487056e6_b Lo studio dei fossili può aiutare gli scienziati a formulare un modello dei cambiamenti della biodiversità nel tempo. Crediti immagine: Hitchster, Flickr

AMBIENTE – Complice il cambiamento climatico, la conservazione delle specie è diventata nel tempo una faccenda sempre più complicata. Per tutelare una specie bisogna proteggere anche il suo ambiente naturale, mantenere in salute le reti trofiche delle quali fa parte, conoscere bene la sua biologia. Eppure non sempre abbiamo a disposizione gli strumenti, i mezzi economici o le conoscenze scientifiche per fare al meglio questo lavoro: si stima, per esempio, che poco più del 20% dei modelli di previsione tenga conto dei meccanismi biologici caratteristici di una specie, che si tratti delle curve demografiche, dunque l’oscillazione delle popolazioni negli anni, o della capacità di adattamento. Un elemento cruciale in vista di importanti aumenti nella temperatura che spingeranno sempre più specie verso Nord.

Allo stesso tempo l’attenzione del…

View original post 801 altre parole

Annunci

Informazioni su Claudio Casonato

Claudio Casonato Chimico prestato all'Information Technology, per passione mi occupo di scienza. Curo una rubrica su alessandrianews.it, e, dopo la pubblicazione, la riporto nel mio blog bufole.blogspot.com. E già che ci sono, aggiungo pensieri sparsi e varie amenità...
Questa voce è stata pubblicata in Reblog. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...